09 Luglio 2020
Manifestazioni

6°Trofeo Pubbl. Ass. 1°Trofeo Madonna del buon Viaggio

29-09-2012 - MANIFESTAZIONI
Sab
29
Set 2012
orario: 16.00
dove: Capanne (Montopoli)(Pubblica Assistenza)Tel 0571 467311 Fax 0571 468450 Cel. 347 7252593

Anche il Presidente del CPPP,Alessandro, a completato il percorso dei dieci Km. dando il VIA al "SOGNO di SUAMY"Tutti noi speriamo dal profondo dei nostri cuori che questo sogno si avveri molto presto

AUGURI SUAMY da tutti noi podisti,Sperando di vederti tra noi la domenica con scapette maglietta e pantaloncini

CIAO a PRESTO
CPPP
Il Sogno di SUAMY

TUTTO IL RICAVATO DELLA MANIFESTAZIONE del29-09-2012 alle CAPANNE SARA DEVOLUTO AL

Suamy non ha solo un sogno

Suamy ha un diritto

Il diritto di sperare in una vita più dignitosa come quella dei suoi amici.......

TU PUOI AIUTARLA!!!!!!!
Suamy Pistolesi è una bambina di 8 anni affetta da una grave malattia che l´ha resa
fisicamente e mentalmente inferiore ai suoi amichetti.

Suamy è costretta a vivere su una sedia a rotelle, a mangiare solo cibi quasi liquidi
ma soprattutto a affrontare numerose crisi epilettiche che mettono costantemente in
pericolo la sua vita.

Suamy adesso vede uno spiraglio di luce alla fine di questo tunnel, potrebbe affrontare
una serie di costosi trattamenti : biocorrezione, ossigeno terapia e fisioterapia intensiva.
Adesso, la speranza arriva da una clinica Israeliana: la Biocorrection Center, nei pressi di Tel Aviv,
ma purtroppo la famiglia non è in grado di sostenere questi trattamenti ed ha bisogno del
tuo aiuto.

Se desideri aiutareSuamy a MIGLIORARE LA SUA VITA puoi inviare il tuo
contributo al Comitato "IL SOGNO DI SUAMY" numero c.c. 4-006029-5
IBAN: IT 39 O 05232 71080 000040060295 banca popolare di Lajatico
filiale di Capanne (Pi). Vedi sul web "il sogno di suamy


MONTOPOLI. Un sogno di speranza per Suamy. Anzi, più che un sogno un diritto, come suggeriscono papà Giorgio e mamma Cristina: «Il diritto di sperare in una vita dignitosa come quella dei suoi amici».È un appello di aiuto e di amore quello che Giorgio Pistolesi e Cristina D´Agostino, di Capanne, lanciano in aiuto alla piccola Suamy, 8 anni e mezzo, affetta da una grave malattia che fin dai primi mesi di vita le ha tolto il diritto ad apprendere, a crescere. Inutili le cure tentate fino ad oggi in Italia. Così la speranza vola lontano, fino in Israele, dove i sistemi innovativi di un centro specializzato potrebbero migliorare le condizioni di vita di Suamy. Un viaggio della speranza, che richiede sacrifici, prima di tutto economici. Da qui l´appello alla sensibilità, con l´intera comunità di Capanne che da mesi si sta già interessando e mobilitando per reperire fondi in aiuto alla famiglia Pistolesi, molto conosciuta in paese. Una vicenda che vede impegnata anche la Consulta, che domani sera si riunirà al cinema-teatro della frazione per coinvolgere le associazioni capannesi nel comitato "Il sogno di Suamy", creato dai genitori.
«Nostra figlia è affetta da encefalopatia epilettogena - spiega il padre -; in pratica una malformazione alla corteccia celebrale che le provoca continue crisi epilettiche». Crisi che hanno cominciato a manifestarsi solo all´ottavo mese di vita, anche decine di volte al giorno, bloccando di fatto la crescita fisica e motoria della bambina, costretta a vivere su una sedia a rotelle e a mangiare cibi semiliquidi. «Solo all´inizio trovammo un farmaco che era riuscito a bloccare le crisi - prosegue il padre -, poi è stato tutto inutile, nonostante vari tentativi». Adesso, la speranza arriva da una clinica israeliana: la Biocorrection Center, nei pressi di Tel Aviv, dove il professore russo Vitali Vassiliev cura casi come quelli di Suamy attraverso l´analisi e il controllo della dopamina, un neurotrasmettitore che, se mantenuto nelle quantità ritenute necessarie, può bloccare le crisi epilettiche. «In molti casi si riscontra un miglioramento sotto l´aspetto dell´attenzione», sottolinea ancora Pistolesi. «Per valutare l´efficacia della cura - aggiunge la moglie - servono però almeno tre sedute, di 15 o 10 giorni, a distanza di due mesi l´una dall´altra». La famiglia Pistolesi ha quindi presentato in Regione la richiesta per il rimborso, che dovrebbe coprire, se accordato, circa l´80% delle spese tra ricovero e accompagnamento. «Restano poi i costi per il soggiorno - riprende il padre -, difficili da sostenere considerando che sono l´unico a lavorare, con un mutuo da pagare e altri due figli da mantenere: Tomas di 13 anni e Kevin di 11. Mia moglie, ovviamente, non lavora per stare dietro a Suamy». Da qui l´idea di un comitato, col quale è possibile prendere contatti attraverso un sito internet. Già attivo anche un conto corrente alla filiale di Capanne della Banca di Lajatico (numero 4-006029-5). «Se la cosa non andasse in porto o avanzassero risorse - precisa Pistolesi - sarà tutto devoluto all´ospedale Meyer».


Fonte: cppp
Dimensione: 1,85 MB

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account