14 Giugno 2024
Manifestazioni

32°Castelfranco-Monterfalconi-Castelfranco

09-04-2012 - MANIFESTAZIONI
Lun
09
Apr 2012
orario: 7.30-8.30
dove: Castelfranco di sotto (Amatori Castelfranchesi) Tel.0571 48/0547 Cel. 339 7681696-3773145203


Castelfranco.
Elisa (che è di Monfalcone...) con la sua (brrr) voce fatica a svegliarmi mentre guido la macchina color topo. La temperatura è invernale: 3° e se parliamo di marzo mese pazzo, cosa dire di aprile?

Nell´ Orto di San Matteo, trovo solamente Il Musicista Tommaso e nessun altro pronto per partire.
Mi aggrego a lui, e lungo la ciclabile viaggiamo ben sopra alle mie possibilità.
Lui mi stacca e s´infila tra gli ulivi. Io risalgo lungo la Vicinale che passa vicino alle grotte lacustri. Sempre più nascoste dalla vegetazione.
--
Ho le maniche corte, ma non posso che ricordarmi di 2 anni fa, quando sotto il diluvio, salire questo sterrato era un´impresa ardua.
Sempre piacevole è la salita di Montefalcone, il viale dei cipressi e il ristoro sotto il leccio secolare.
Primo tratto boschivo.
Un poco di via delle Macchie, e saltellando a sinistra incomincia la pace dei sensi. Tra bosco e sottobosco.
Le Cerbaie bistrattate, torturate e sorprendentemente rinate.
Amate e percorse in lungo e in largo da noi podisti.
Annusate dai trekker, e dai camminatori.
Le Cerbaie che sembrano infinite.
Come lo sono le salite e le discese in questa mattina.
Come lo è questo sterrato tremendo. Tra buche, solchi, sassi e rami caduti.
Come il ghirigori che gli Amatori Castelfranchesi ci stanno regalando.
--
Io seguo una ragazza all´uscita del Parco delle Tre Fontine, per il dubbio di aver sbagliato strada.
Ritorniamo in bosco, ma ai margini dell´asfalto.
Tra un ristoro e l´altro, tra un sentiero e una Vicinale, ogni tanto risbuca Tommaso.
Tra un pino marittimo, un leccio e secchiate di ginestroni, mi ritrovo sul percorso delle Farnie Monumentali.
Proprio a pochi passi da Cerretti.
Una delle tre sorelle -la più grossa delle Cerbaie ha 200 anni- è crollata. Ammiro le due rimaste. Mastodontiche creature verdi.
Sono fermo al ristoro, e con calma (l´acqua da bere è ghiaccia marmata), scambio due battute con Antonio e la bella spagnola bionda.
--
Una bella salita, e dopodichè la discesa spezzagambe, immersa del verde di una villa, mi porta sopra la terraferma.
Un ultimo biscotto e ancora il rammarico della Tabaccaia in rovina.
Oltrepasso la provinciale, e mi ritrovo in via Aiale, tra il sole che splende, un leggero venticello che tira, e gli ultimi km da correre (a passo ormai stanco), per giungere all´Orto di San Matteo, dopo 2h15.07 -21,640 km- alla media di 6,15 m/km.
Sotto l´Arco Rosso del Pisano, con Marco e una Spensierata che mi fotografano. (Grazie!)
--
Bello il ristoro finale, tra pezzi di torte e panepomodoro, e il ritrovato Tommaso che tra un allungo e uno smarrimento dice di aver fatto circa 29 km.
A me sono bastati quelli. Non so perchè, ma sono stanco... e non vado a 4 minuti al km...
Loris Neri --- Podistica Galleno

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie